Un bacio dato per caso si trasforma in un rapporto sessuale violento e senza esclusione di colpi: lei bellissima si lascia scopare da lui dopo averlo baciato e gli regala un piacere mai provato

+ 0

Descripción

La prima cosa che feci è cercare le sue labbra le diedi due metri di lingua. Nello stesso tempo le infilai letteralmente la mia mano tra le cosce mentre lei mi sbottonava i pantaloni. Dopo avermi massaggiato sopra le mutande mi tirò fuori il cazzo e iniziando a segarmi lentamente. Le spostai di poco con le dita le mutande e le afferrai il clitoride tra le dite, lo strizzai e stuzzicai per un po’, lo lasciai, le misi due dita dentro ed iniziai a chiavarla. Mio Dio quanto avrei voluto sbattergli il cazzo in fica e fotterla sino a sfiancarla, lei smise di baciarmi, si inginocchiò, prese il cazzo, lo leccò tutto intorno alla cappella, lo mise con la testa all’insù. Mi lecco le palle, cercò di prenderne una in bocca, le presi la testa e la guidai a prenderlo in bocca, lo prese iniziando ad andare su e giù, l’accompagnavo nel movimento, mi sembrava che mi succhiasse l’anima, volevo esplodere e si vedeva parecchio ed io, per togliere ogni equivoco, gliel’ho comunicato Mi girai, era la classica posizione del sessantanove, la girai facendola mettere su di me, si aggiustò aprendo le cosce, aveva la figa depilata senza neanche un peletto , si mise a pochi centimetri dalla mia avida bocca, il buco del culo era uno spettacolo, bello da guardare, sono un cultore del buco del culo, provai a passare la punta della lingua tra le labbra della fica, le grande labbra si aprirono, mi sembrava un frutto maturo, misi la lingua nella fica e la mossi come se la stessi chiavando, lei aveva preso il cazzo lo leccava e mi masturbava molto lentamente, mi accarezzava le palle, le stringeva delicatamente, capii il suo gioco, non voleva che sborrassi ea me stava bene. l’unica cosa che avevo in mente era scoparla più duro che potessi. A quel punto avevo pronto il preservativo anche se avrei preferito non usarlo Si continuò ancora per un bel po’, mi tolsi dalla posizione del sessantanove e mi distesi su di lei…